difference between prednisolone and methylprednisolone allegra d over the counter periactin cyproheptadine pills atarax 30 mg when is the best time to take claritin phenergan with codeine street value

Friday for future gli alunni dell’Istituto Comprensivo Ladispoli 1 , contro i cambiamenti climatici

In occasione del terzo sciopero globale contro i cambiamenti climatici, “Friday for future”, tutti gli alunni e le insegnanti del plesso G. Rodari sono stati coinvolti in una splendida iniziativa per la sensibilizzazione ai problemi dell’ambiente e per un futuro migliore. Tutti gli alunni hanno visionato dei filmati sull’inquinamento e sullo sfruttamento delle risorse naturali, poi nelle diverse classi si sono realizzati dei cartelli con disegni e slogan . Tutti all’uscita avevano sul viso i due segni verdi, simbolo di questa giornata che ha visto migliaia di giovani scendere in piazza e protestare contro il cambiamento climatico. Oggi infatti , non è più possibile non prestare la massima attenzione a tutte le risorse vitali del nostro Pianeta: acqua, aria, terra, insieme all’inquinamento, all’aumento delle temperature e allo scioglimento dei ghiacci, alla maggiore frequenza degli episodi di siccità, terremoti e di alluvioni! Tutti episodi che ci ricordano che dobbiamo intervenire con urgenza per non mettere a rischio il benessere delle generazioni che stanno crescendo. Ecco allora entrare in campo l’Educazione ambientale nella Scuola, come strumento imprescindibile da cui partire per far capire l’importanza di alcune scelte, un nuovo modo di vedere l’insegnamento vicino a ciò che accade nella vita reale: i bambini di oggi saranno i consumatori di cibo, di suolo e di energia di domani. Se cibo, suolo ed energia ce ne saranno ancora a sufficienza per tutti! Dal riciclo dei rifiuti alla tutela del mare e del territorio, dalla biodiversità all’alimentazione sostenibile, i temi ambientali dovranno entrare in aula perché il processo di conoscenza e di responsabilizzazione dei cittadini non avviene solo attraverso l’informazione ma, anche e soprattutto, attraverso l’esperienza diretta. L’esperienza vissuta a contatto con la natura rappresenta il modo migliore per poter incrementare i livelli di attenzione ed interesse collettivo verso la tutela della biodiversità e la conservazione dell’ambiente!

Marianna Miceli

( Docente dell’Istituto)