can you take lunesta and atarax together phenergan 20mg periactin stress cat allegra cream discontinued gentamicin prednisolone eye drops

L’Istituto Comprensivo Ladispoli 1 e l’Ordine di Malta per i bisognosi di Ladispoli

Durante il mese di marzo 2019, in corrispondenza della Quaresima, anche l’Istituto Comprensivo Ladispoli 1 ha raccolto, insieme all’Ordine di Malta, cibo da donare ai bisognosi della città di Ladispoli. Il risultato raggiunto è straordinario, circa 1 tonnellata di alimenti dei quali l’IC Ladispoli 1 ha raccolto 700 chilogrammi.  La preside della scuola, prof.ssa Renza Rella, e la vicaria, dott.ssa Emanuela Sierri, sono soddisfatte poiché è fondamentale nella nostra società educare alla condivisione e alla solidarietà le giovani generazioni e questa iniziativa sarà certamente un’esperienza che i bambini e i ragazzi più grandi si porteranno dentro.

 

La risposta delle famiglie e degli alunni, d’altro canto, è stata ottima e il gesto del condividere è stata una bellissima occasione educativa trasformando in azione concreta, con l’aiuto dei docenti, i valori della dignità della persona, della solidarietà tra gli esseri umani, della giustizia, dell’importanza del cibo e della lotta allo spreco.

Molto soddisfatto anche il delegato per Viterbo – Rieti dell’Ordine di Malta, Avv. Roberto Saccarello, per l’eccezionale raccolta, giunta ormai a Ladispoli al quarto anno consecutivo. Il cibo raccolto è stato donato alle parrocchie della nostra città, Santa Maria del Rosario e San Giovanni Battista, che seguono, attraverso i loro centri di ascolto, circa 250 famiglie in stato di bisogno. Sono famiglie sia italiane sia straniere che vivono anche in condizioni di fortissimo disagio. Una parte del cibo è stata, infine, donata ad alcuni senza fissa dimora.

Certamente questa raccolta non può risolvere problemi grandi come la disoccupazione, l’emarginazione o la povertà, però è un piccolo segno che nessuno di noi vuole rimanere indifferente di fronte a queste problematiche, con l’augurio che queste persone oggi in difficoltà possano oggi passare una Santa Pasqua più serena e in futuro risolvere tutti i loro problemi. (Denise Biasilo)