Si inaugura oggi la nuova sede dei vigili urbani. Sarà intitolata a “Meco” Fiorini

C’era una volta una Ladispoli piccolissima, dove tutti conoscevano tutti. Dove il parroco, il farmacista, il dottore ed il vigile erano le autorità riconosciute da tutta la comunità. Domenico Fiorini, per tutti “Meco” fa parte di quella storia in bianco e nero, lontana decenni. Lui fu il nostro primo “capoguardia” e a lui “Meco la guardia” così lo ricordano i vecchi ladispolani oggi verrà intitolata la nuova sede dei vigili urbani, sede che ospiterà anche la Protezione Civile Comunale. Meco era nato a Cerveteri nel lontano 1914, precisamente l’11 febbraio.  Rimase a Cerveteri fino allo scoppio della seconda guerra mondiale, periodo in cui fu arruolato come “Guardia di Frontiera” al Piccolo San Bernardo in Valle d’Aosta, al confine con la Francia.  Nel 1943 fu trasferito alla caserma Cesare Battisti di Aosta, dove poi nacque anche la figlia. Aderì alla Repubblica di Salò, e nel 1945 fu fatto prigioniero a Intra dai partigiani. Con l’arrivo delle truppe alleate fu fatto prigioniero e salvato da una fucilazione che i partigiani si apprestavano ad organizzare. Venne quindi portato come prigioniero nel campo di concentramento di Coltano, dove rimane per qualche mese fino al trasferimento a Cerveteri. A Ladispoli arrivò nel 1952, quando la piccola frazione del comune di Cerveteri iniziava a crescere, cominciando a trasformarsi da piccolo borgo di pescatori in località di vacanza per i romani. I vigili in quegli anni erano due, Meco Fiorini e Luigi Pierantozzi. Poi con il 1970 Ladispoli divenne comune autonomo. Sul finire di quegli anni venne fatto il primo concorso pubblico per i vigili, Meco non fu più “capoguardia” ma mantenne il ruolo di vigile anziano per l’esperienza maturata sul campo ed il rispetto che gli veniva riconosciuto da colleghi e dai ladispolani.  Meco rimase in servizio a Ladispoli fino alla pensione, ed innamorato della sua città che oggi gli tributerà il giusto riconoscimento alle 17.30 in via Vilnius intitolandogli la nuova sede del  comando della polizia locale in via Vilnius. La struttura ospiterà anche la Protezione civile comunale.