Come Caino e Abele: lite tra fratelli, uno finisce in ospedale, l’altro in manette

I Carabinieri della Sezione Radiomobile della Compagnia di Civitavecchia hanno arrestato un 33enne del luogo con l’accusa di lesioni personali gravi ai danni del fratello maggiore. I militari sono intervenuti, nella tarda serata di ieri, nell’abitazione dei due fratelli – già conosciuti alle forze dell’ordine – nella zona nord della città poiché era stata segnalata una violenta lite tra i due.     Arrivati sul posto, i Carabinieri hanno trovato i fratelli, in evidente stato di alterazione, che si stavano picchiando: nella colluttazione, il più giovane ha sferrato un calcio riuscendo a colpire il fratello con estrema violenza al basso ventre.

Quest’ultimo, a seguito del colpo, è caduto in terra ed è stato necessario l’intervento del personale sanitario che, dopo il primo intervento, lo hanno accompagnato al pronto soccorso dove è stato ricoverato e giudicato guaribile in 25 giorni.

Per l’altro fratello sono scattate le manette e al termine degli accertamenti è stato dichiarato in arresto e accompagnato presso il suo domicilio sottoposto alla misura degli arresti domiciliari a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

070319