prednisolone and weight gain what is phenergan can zyrtec make you sleepy prednisolone acetate injection walgreens claritin d generic prednisolone sod phos 15mg 5ml

Successo per il primo open day dell’alberghiero: il 20 gennaio 2019 si replica

Successo per il primo Open Day dell’Alberghiero di Ladispoli. Il 15 dicembre 2018 (ma il 20 gennaio 2019 dalle ore 9:30 alle 12:30 si replica), l’Istituto Professionale di via Federici ha aperto le sue porte al pubblico, per accogliere gli aspiranti iscritti del prossimo anno e le famiglie desiderose di conoscere, dall’interno, la sua storia e le sue attività. Ad attenderli è stata la Dirigente Scolastica, Prof.ssa Vincenza La Rosa e i membri della Commissione Orientamento Prof.ssa Valeria Mollo, Prof.ssa Giovanna Albanese, Prof. Renato D’Aloia, Prof.ssa Carmen Piccolo, con le Funzioni Strumentali Prof.ssa Rosa Torino, Prof. Antonio Gismondi e Prof. Carlo Narducci.

“Siamo molto soddisfatti dell’esito della giornata. – ha affermato la Prof.ssa Valeria Mollo, Vicepreside dell’Istituto Alberghiero di Ladispoli, che ha accompagnato gli studenti e le famiglie nella visita delle strutture scolastiche, illustrando nel dettaglio le caratteristiche e i contenuti del Piano dell’Offerta Formativa – Le famiglie hanno espresso apprezzamento, manifestando il loro desiderio di iscrivere i propri figli ai nostri corsi. Desidero ringraziare tutti i docenti che questa mattina hanno collaborato nella preparazione dell’Open Day assicurandone il successo. Un plauso speciale va anche ai colleghi di Sala, Cucina e Ricevimento, che hanno allestito insieme ai loro allievi uno straordinario buffet di benvenuto, che ha riscosso il gradimento di tutti”.

Momento culminante di un lungo progetto di orientamento iniziato a novembre e destinato a durare ancora per diversi mesi, l’Open Day rappresenta l’occasione migliore per osservare da vicino le strutture e le caratteristiche dell’offerta formativa dell’Istituto Alberghiero. “La nostra attività è cominciata già da alcune settimane. – hanno spiegato i membri della Commissione Orientamento – Siamo stati accolti dalle Scuole Medie di un vasto bacino territoriale che va da Roma Nord a Fregene, Ladispoli, Cerveteri e Santa Marinella, non trascurando i centri del Lago di Bracciano e del Comprensorio Sabatino, da cui provengono ormai molte decine di studenti del nostro Istituto, anche grazie al potenziamento del trasporto pubblico ottenuto due anni fa. Abbiamo inoltre approntato diverse postazioni per agevolare le famiglie nella procedura di iscrizione on line. Desideriamo rivolgere un grazie anche ai nostri studenti che non solo ci hanno accompagnato spesso nelle Scuole Medie per offrire la loro testimonianza diretta, ma hanno anche collaborato nelle fasi di preparazione dell’Open Day”.

Le domande di iscrizione – precisano dall’Istituto Alberghiero – potranno essere presentate, esclusivamente on line dalle ore 8 del 7 gennaio fino alle ore 20.00 del 31 gennaio 2019. Le famiglie possono inoltrare una sola istanza di iscrizione e indicare fino ad un massimo di altri due Istituti di proprio gradimento, cui indirizzare la domanda nel caso in cui l’Istituzione di prima scelta non avesse disponibilità di posti per l’anno scolastico 2019/2020. Dopo la scadenza del termine finale del 31 gennaio 2019, per eccezionali motivi debitamente rappresentati, la domanda di iscrizione può essere presentata direttamente alla scuola prescelta, tenendo informato il competente Ufficio scolastico territoriale. Da quest’anno è, inoltre, attiva la nuova App “Scuola in chiaro”, che consente al pari dell’omonimo portale, di prendere visione dei documenti caratterizzanti l’istituzione scolastica, quale ad esempio il RAV (Rapporto di autovalutazione), al fine di effettuare una scelta consapevole.

“L’Istituto Alberghiero di Ladispoli può vantare una consolidata tradizione di eccellenza nel nostro territorio. L’utenza non ha conosciuto negli anni significative flessioni, a testimonianza di un interesse che non segue le mode, ma la qualità. Solo per citare un esempio recente, possiamo ricordare che il nostro ex-studente Matteo Di Cola diplomatosi appena due anni fa, è il concorrente più giovane della trasmissione televisiva “Il Ristorante degli Chef” ed ha già superato numerose selezioni che hanno coinvolto centinaia di concorrenti provenienti da ogni parte d’Italia. – ha commentato la Prof.ssa Vincenza La Rosa, Preside dell’Istituto Alberghiero di via Federici – Ma l’obiettivo di chi dirige questa scuola è quello di puntare sempre più in alto, sia sul versante dell’innovazione, sia su quello dell’internazionalizzazione, favorendo lo svolgimento di stage all’estero e di programmi di scambio interculturale. Senza dimenticare la lotta alla dispersione scolastica e il sostegno agli studenti in situazione di maggiore disagio”. Per quanto riguarda l’internazionalizzazione dell’offerta formativa, l’Alberghiero propone da anni tirocini all’estero (in passato a Malta e in Inghilterra – Guildford, Bournemouth e Hastings). Per le politiche anti-dispersione, l’Istituto di via Federici ha aperto uno sportello didattico di recupero attivo tutto l’anno, con servizio di tutoraggio individuale ed attività didattiche individualizzate.

“Un numero crescente di giovani vede nell’Enogastronomia e nell’Ospitalità alberghiera un ottimo sbocco professionale. – ha aggiunto la Dirigente Scolastica, Prof.ssa Vincenza La Rosa – Secondo i dati della Federazione Italiana Esercizi Pubblici, il settore della ristorazione continua ad essere in crescita. Dodici milioni di Italiani (il 66% della popolazione) pranzano abitualmente fuori casa. Il comparto vale circa 500 miliardi, per il 51% concentrati in tre Paesi, con il nostro al terzo posto, preceduto da Regno Unito e Spagna. Da decine di anni, ormai, la nostra cucina è riconosciuta come la migliore nel panorama internazionale”. Anche per quanto riguarda il turismo, i dati sono ottimi. L’impatto economico del settore turistico sul P.I.L. italiano è di circa il 10%. L’incidenza sull’intera occupazione nazionale è del 14%. Le figure professionali legate a questi comparti sono e saranno sempre più richieste. Senza dimenticare le possibilità di proseguire gli studi dopo il conseguimento del diploma in un Istituto Alberghiero: molti, ormai, sono i Corsi di laurea in Scienze del Turismo e in Scienze dell’Alimentazione e le Scuole di Specializzazione nel settore turistico ed enogastronomico.

L’Alberghiero di Ladispoli nasce come succursale dell’Istituto Professionale Statale dei Servizi Alberghieri e di Ristorazione di Tor Carbone in Roma, una delle prime Scuole alberghiere del Lazio. Divenuto autonomo, è ospitato oggi nella nuova sede di via Federici (nella vasta area adiacente alla Biblioteca Comunale), inaugurata nel gennaio del 2013, con ampi laboratori all’avanguardia per attrezzature e dotazioni tecnologiche. Ottima la posizione rispetto ai maggiori assi ferroviari e viari. Per coloro che provengono da Roma o da Civitavecchia, è possibile raggiungere la scuola in treno. La stazione di Ladispoli è in posizione centrale, a pochi minuti dall’Istituto. In autobus, le fermate sono altrettanto funzionali e vicine alla sede scolastica. In automobile si possono percorrere la Via Aurelia o l’autostrada Roma – Civitavecchia. I collegamenti con Cerveteri e le altre località lungo la strada consolare sono garantiti dal servizio degli autobus di linea. Ma anche dal comprensorio del Lago di Bracciano è possibile raggiungere l’ Alberghiero: da due anni, infatti, sono state aggiunte tre nuove corse del COTRAL che assicurano un percorso più diretto ed agevole fra la Scuola e i centri lacustri sabatini e facilitano gli spostamenti verso Ladispoli in orario scolastico.

L’Istituto Alberghiero consente di conseguire, insieme ad adeguate competenze professionali, una preparazione culturale approfondita, idonea sia alla prosecuzione degli studi (universitari o di formazione tecnica superiore), sia all’ingresso nel mondo del lavoro. Il diplomato ha specifiche competenze tecniche, economiche e normative nelle filiere dell’enogastronomia e dell’ospitalità alberghiera, nei cui ambiti interviene in tutto il ciclo di organizzazione e gestione dei servizi. Utilizzando le più moderne metodologie e strategie didattiche e avvalendosi di una consolidata rete di rapporti con le aziende del territorio, l’Alberghiero di Ladispoli offre tre indirizzi di studio: Enogastronomia (con la nuova opzione in Prodotti dolciari artigianali e industriali), Servizi di Sala e Vendita, Accoglienza Turistica. Per quanto riguarda l’Enogastronomia, questo il profilo dell’indirizzo: Il diplomato sarà in grado di intervenire nella valorizzazione, produzione, trasformazione, conservazione e presentazione dei prodotti enogastronomici; operare nel sistema produttivo promuovendo le tradizioni locali, nazionali e internazionali e individuando le nuove tendenze enogastronomiche. Per l’articolazione ‘Servizi di Sala e di vendita’: il diplomato sarà in grado di svolgere attività operative e gestionali in relazione all’amministrazione, produzione, organizzazione, erogazione e vendita di prodotti e servizi enogastronomici; interpretare lo sviluppo delle filiere enogastronomiche per adeguare la produzione e la vendita in relazione alla richiesta dei mercati e della clientela, valorizzando i prodotti tipici. Per l’indirizzo di ‘Accoglienza turistica’: Il diplomato sarà in grado di intervenire nei diversi ambiti delle attività di ricevimento, di gestire e organizzare i servizi, in relazione alla domanda stagionale e alle esigenze della clientela; di promuovere i servizi di accoglienza turistico-alberghiera anche attraverso la progettazione di prodotti turistici che valorizzino le risorse del territorio. Il curriculum dell’Istituto Alberghiero si basa su: – un’area di istruzione generale con discipline fondamentali per la preparazione culturale di base; – un’area di indirizzo con le materie professionalizzanti (Enogastronomia/Servizi di Sala e Vendita/Accoglienza Turistica); – due lingue: inglese e francese in tutto il quinquennio; – stage, tirocini di formazione ed orientamento, alternanza scuola-lavoro presso grandi aziende e strutture del settore enogastronomico e turistico, in Italia e all’estero; – possibilità di prevedere attività ed insegnamenti facoltativi, come potenziamento dell’offerta formativa, in relazione alle più recenti ed avanzate richieste del mercato del lavoro