Ardita: l’impianto costato 2 milioni di euro necessita di interventi urgenti. Sappiamo di chi sono le responsabilità, ma ora è tempo di rimboccarci le maniche”

Il consigliere comunale Giovanni Ardita fresco della nuova nomina di delegato ai rapporti con le società calcistiche di Ladispoli, ringrazia il sindaco Grando per la fiducia per la delega riconosciuta, e parte subito con le idee chiare sul da farsi: “Sono consapevole – afferma subito il guerriero della destra – che oltre all’onore della delega sul calcio vi è l’onere di seguire numerose problematiche legate alle due società e ai due impianti. E’ più di un anno che seguo con costanza le sorti sportive e strutturali dello campo sportivo “Angelo Sale” e della US Ladispoli. Oltre ad andare a vedere tutte le partite, molte volte seguo anche la squadra anche in trasferta, oltre al discorso sportivo mi lega molto l’amicizia e la stima che ho con il presidente Paris e l’allenatore Pietro Bosco. Oggi sono consapevole che la delega riconosciutami dal sindaco mi impegnerà anche sull’altra società, l’Atletico Ladispoli, società che gioca sul campo “Annibale Lombardi” di Marina di San Nicola. Conosco molto bene anche il presidente Aurelio Nicolini e per migliorare questa struttura ascolterò i consigli di chi da più di 40 anni conosce il calcio locale tra i quali mister Alfredo Ciapetti. Tornando all’ “Angelo Sale”, sicuramente la struttura è da completare, con il Sindaco Grando siamo già intervenuti garantendo la tribuna ospiti obbligatoria per la sicurezza nel campionato serie D, a breve ci sarà un intervento di impermeabilizzazione per le infiltrazioni sopraggiunte con le piogge invernali. In molti mi chiedono: un’opera pubblica costata 2.000.000 di euro è possibile che ci siano delle infiltrazioni negli spogliatoi e negli uffici? Si! E’ possibile. Oggi è inutile far polemica: sappiamo come sono andate le cose. Ora dobbiamo rimboccarci le maniche ed intervenire, onde evitare di mettere a rischio la struttura. Stiamo lavorando di concerto con il sindaco affinché si possa trovare una soluzione per far realizzare la copertura della tribuna, verificheremo con il nuovo bilancio attraverso il Credito Sportivo di portare a termine questo intervento fondamentale per che le famiglie d’inverno con la pioggia e l’estate con il sole soffrono di vedere la partita senza una copertura. Con il grande settore giovanile che ha la US Ladispoli, in un solo campo non si può giocare, necessiterebbe con il tempo progettare di avere in futuro almeno accanto un campo di calcio a 8 o a 9, dove potrebbero giocare le categorie inferiori. Sabato sarò presente a Cassino per la US Ladispoli in veste di tifoso, mentre domenica mattina mi recherò al campo di Marina di S.Nicola per verificare lo stato del campo e della struttura. Anticipo che questo mi sembra un impianto da migliorare e potenziare, perché anche qui molti bambini e ragazzi di Ladispoli vengono a giocare, insufficiente un solo campo per fare giocare tutte le categorie – conclude il delegato con le società calcistiche – il mio impegno e il mio dialogo con queste società e anche con la squadra di calcio femminile locale sarà costante e fattivo nell’andare a rappresentare al sindaco la situazione attuale e quali progetti possiamo portare avanti con le due società calcistiche, sarò il delegato alle società di calcio di tutti….e dobbiamo metterci in testa – sottolinea il consigliere Giovanni Ardita – che le strutture sono da mettere a norma per la sicurezza dei bambini che giocano e delle famiglie che vengono a vedere i loro beniamini a giocare.”