Cerveteri: “Vola Alto” lancia “Non mi abbandonare” la campagna contro l’abbandono degli animali da affezione

“Non mi abbandonare” questo si legge sul cartello posizionato nell’aiuola fra la statale Aurelia e l’entrata di Marina di Cerveteri. Accanto al cartello un cane costruito con rifiuti domestici: bottiglie, cartoni, barattoli e scatole. Il messaggio che vogliamo lanciare con questa installazione è duplice, ed è molto attuale soprattutto durante il mese estivo di agosto, durante il quale molte persone, andando in vacanza, abbandonano i loro rifiuti in mezzo alla strada, così come fanno per i loro amici a 4 zampe.

Questi comportamenti incivili, oltre ad arrecare danno alla comunità nel caso dei rifiuti, dimostrano anche un comportamento vergognoso di chi vede i propri animali alla stregua di oggetti da abbandonare quando non ci sono più comodi.

Due piaghe queste, molto presenti nella zona di Cerveteri e di Ladispoli, dove ai cigli delle strade sono continuamente presenti sacchi di rifiuti abbandonati, e dove le associazioni si fanno in 4 per offrire asilo a molti cani abbandonati a sé stessi.

Risulta difficile quantificare quante tonnellate di rifiuti abbandonati ci siano in Italia ogni anno, mentre per l’abbandono di animali abbiamo delle stime:

circa 150.000 cani abbandonati all’anno, di questi ben 60.000 durante i mesi estivi di giugno, luglio ed agosto; ciò equivale a circa a 20.000 al mese, cioè 600 cani abbandonati al giorno. Inoltre su tutti i cani abbandonati ben l’80% non riesce a sopravvivere, quindi 120.000 cani che muoiono per abbandono ogni anno. Invitiamo quindi tutte le persone a sensibilizzare i propri amici riguardo questi temi, a segnalare alle autorità competenti qualora vedessimo o conoscessimo qualcuno che compia questi atti, e soprattutto a non compiere mai e poi mai queste azioni incivili.

Associazione Culturale Vola Alto