Morelli: “Bau beach a Palo Laziale, promessa mantenuta con gli elettori

La zona di Palo Laziale, conosciuta come Prima punta, destinata in parte ai cani, è controllata assiduamente dai volontari delle Guardie zoofile Nogra e delle Guardie ecozoofile Fare ambiente che vigilano sul rispetto del regolamento Comunale sulla tutela e benessere degli animali.. Invitiamo i cittadini a non dare credito alle parole denigratorie di pochi. La spiaggia per cani era uno dei punti del programma elettorale del sindaco Grando che, in meno di un anno, è stato portato a termine”.
Con queste parole Miska Morelli, caposegreteria del sindaco ed incaricato alla tutela degli animali e dell’ambiente e della Protezione Civile, ha risposto alle polemiche in merito a proprietari di cani che non raccolgono le deiezioni sulla spiaggia nei pressi del bunker tra Ladispoli e Marina di San Nicola. Annunciando anche importanti novità nel rapporto di collaborazione tra l’amministrazione comunale e le associazioni di volontariato.
“In queste ore – prosegue Morelli –  è stata firmata dal Presidente della Guardia Rurale Ausiliaria NOGRA ed il Presidente di FareAmbiente Ladispoli la convenzione che prevede 8 ore a giorno di servizio zoofilo ed ambientale, i costi sono rimasti quelli del precedente accordo, con l’aggiunta di un’associazione in più, Col mese di luglio è iniziata la campagna denominata tolleranza zero, le guardie zoofile ambientali sono pubblici ufficiali decretati dal Prefetto e nell’ambito delle loro funzioni hanno poteri di polizia amministrativa e polizia giudiziaria. Assicuriamo ai cittadini che l’amministrazione comunale, grazie al supporto della polizia locale e delle associazioni di volontariato, tiene gli occhi bene aperti su Prima punta, non permetteremo a nessuno di trasformare la spiaggia in una latrina a cielo aperto per animali. Il bau beach, come lo ha simpaticamente definito la stampa, è controllato in modo costante, non sarà consentito portare i cani privi di museruola o guinzaglio, l’area è accessibile ai proprietari degli animali per tutta la giornata, ma tutti dovranno avere cura di mantenere pulito l’arenile in questione da deiezioni, dotandosi obbligatoriamente di adeguata strumentazione per la raccolta. Del resto, nel programma del sindaco c’era l’impegno ad individuare una porzione di arenile, appositamente attrezzato e regolamentato, in cui sia consentito l’accesso agli animali domestici come previsto dal regolamento comunale vigente. Tale area doveva essere localizzata preferibilmente nelle zone periferiche del litorale. Nelle altre aree dell’arenile di Ladispoli non sarà possibile portare gli animali fino al 30 settembre. Ricordiamo che le sanzioni pecuniarie sono elevate”.