“Il riconfermato governatore Zingaretti risolva il mistero dei bus per Fiumicino”

“Nell’augurare buon lavoro al riconfermato presidente Zingaretti, cogliamo l’occasione per segnalare alla nuova Giunta della Regione Lazio un problema che sta diventando insostenibile per i pendolari di Ladispoli e Cerveteri. Un vero e proprio mistero che ci auguriamo il Governatore possa risolvere”. A parlare è l’assessore alla mobilità, Amelia Mollica Graziano, tornata a chiedere l’immediato ripristino del collegamento di bus urbani tra Ladispoli, Cerveteri e Fiumicino, uno dei servizi di trasporto pubblico maggiormente utilizzati nel nostro territorio.

“Alla fine dell’anno – prosegue l’assessore Mollica Graziano – l’Aremol ci aveva preannunciato la rapida riattivazione della linea per l’aeroporto Leonardo da Vinci ed i centri commerciali di Fiumicino. Sono passati tre mesi, è sceso il silenzio assoluto sulla vicenda, nonostante   l’amministrazione di Ladispoli abbia rispettato tutti gli obblighi di legge,  inserendo sul bilancio 2018 i fondi destinati al pagamento dell’Iva. Gli uffici della Regione Lazio sono perfettamente a conoscenza di questo passaggio. Il danno per tutti coloro che debbono recarsi a Fiumicino per motivi di lavoro è enorme, parliamo di una linea che aveva trasportato oltre 18 mila passeggeri nei quattro mesi di fase sperimentale, a costi peraltro popolari. Senza dimenticare come il collegamento fosse stato molto apprezzato dalle famiglie di Ladispoli e Cerveteri che intendono fare shopping nei centri commerciali e dai ragazzi per andare al cinema. L’amministrazione comunale di Ladispoli torna a chiedere al presidente Zingaretti di confermare il finanziamento della linea urbana fino ad ottenere la messa a regime del collegamento all’interno dell’appalto intercomunale di trasporto pubblico tra Ladispoli e Cerveteri. L’amministrazione comunale di Ladispoli, attraverso i propri rappresentanti eletti nel Consiglio regionale, continuerà a sollecitare gli uffici della Pisana a sbloccare questo incomprensibile stallo”.